Informazioni sul settore

Storia delle maschere

2020-10-24
La Cina è stata il primo paese al mondo a utilizzare le maschere.
Nell'antichità, per prevenire l'inquinamento da polvere e alito, le persone a corte iniziarono a coprirsi la bocca e il naso con sciarpe di seta.
Record "Mencius  · From Low": "Xi Zi è impuro, quindi la gente si copre il naso e passa.
Era molto antigienico coprirsi il naso con le mani o le maniche, e non era conveniente fare altre cose. In seguito, alcune persone hanno usato un pezzo di stoffa di seta per coprirsi il naso e la bocca.
Nel suo libro The Travels of Marco Polo, Marco Polo ha descritto le sue esperienze di vita in Cina per diciassette anni.
Uno di loro ha detto: "Nel palazzo della dinastia Yuan, tutti quelli che offrivano cibo si coprivano la bocca e il naso con un panno di seta in modo che il suo respiro non toccasse il cibo".
Il panno di seta che copre la bocca e il naso è la maschera originale.

All'inizio del XIII secolo, le maschere apparivano solo nelle corti cinesi.
Per evitare che il loro respiro raggiungesse il cibo dell'imperatore, i camerieri usavano un panno di filo di seta e oro per fare le maschere

Le maschere iniziarono ad essere utilizzate nelle cure mediche alla fine del XIX secolo.
Il patologo tedesco Lederch iniziò a consigliare agli operatori sanitari di utilizzare maschere di garza per prevenire le infezioni batteriche

All'inizio del XX secolo, le maschere sono diventate per la prima volta una necessità nella vita pubblica.
Mentre l'influenza spagnola ha invaso il mondo, uccidendo circa 50 milioni di persone, alle persone comuni è stato chiesto di indossare maschere per proteggersi dal virus.

Tra la metà e la fine del XX secolo, le maschere erano spesso utilizzate su larga scala.
Le maschere hanno svolto un ruolo importante nella prevenzione e nel blocco della diffusione di germi durante diverse pandemie influenzali nella storia.

Nel marzo 1897, i Medici tedeschi introdussero un metodo per coprire la bocca e il naso con una garza per prevenire l'invasione dei batteri.
Successivamente, qualcuno ha realizzato una maschera con sei strati di garza, che è stata cucita sul colletto e usata girandola per coprire la bocca e il naso.
Tuttavia, la maschera deve essere tenuta sempre premuta, il che è estremamente scomodo.
Poi qualcuno ha escogitato un modo per legare una cinghia intorno all'orecchio, ed è diventata la maschera che le persone usano oggi.

Nel 1910, quando scoppiò la peste ad Harbin, in Cina, il dottor Wu Liande, allora vice sovrintendente del Beiyang Army Medical College, inventò la "maschera Wu".

Nel 2003, l'uso e la divulgazione delle maschere hanno raggiunto un nuovo culmine. L'epidemia di SARS ha quasi fatto esaurire le maschere per un po '. C'erano lunghe file davanti alle principali farmacie e la gente si precipitava a comprare le maschere.

Nel 2009, dopo la pandemia di "influenza aviaria" del 2004, l'influenza H1N1 ha portato ancora una volta un esercito di maschere ai media di tutto il mondo.

L'emergere del concetto di pericolo atmosferico da PM2,5 nel 2013 ha attirato l'attenzione del pubblico sull'inquinamento atmosferico, rendendo le maschere e altri prodotti protettivi popolari durante i giorni nebbiosi.

Il 7 febbraio 2020, più di 30 operatori sanitari e volontari nel centro di disinfezione e rifornimento del secondo ospedale affiliato di Xi 'an Jiaotong University hanno realizzato maschere utilizzando materiali come tessuto non tessuto in imballaggi medici, carta assorbente e spray fondente N95 tessuto filtrante per strumenti.